Luca May 12, 2018

Inoltre, l’arbitro Junet Chakyr ha nuovamente preso due decisioni controverse. “Bavaria” ha già ricordato l’arbitro per i quarti di finale della scorsa stagione. Lo ha detto Thomas Müller in una conferenza stampa: “Tutti sanno cosa è successo l’anno scorso: il Real Madrid ha segnato due volte da fuorigioco”. Nello stesso incontro, i turchi non hanno messo due pene ovvie – su Levandovsky, quando i polacchi sono stati abbattuti senza palla, e su Marcelo, quando ha giocato con la mano.

Il giudice ha di nuovo ucciso il Bayern. Ma il club stesso è da biasimare, che è volato dalla foto “reale”: SI, obiettivo

Nei momenti chiave, “cremosi” di nuovo fortunati, potevano saltare un minimo di quattro gol e totalizzare solo uno. “Bayern” 14 volte (!) Punzonato in porta dall’area di rigore, “Real” solo cinque.

Ironia della sorte, il “vero” si estende ancora una volta ulteriormente a causa di una coincidenza. All’inizio il club ha raggiunto le semifinali a scapito di una penalità controversa nel tempo aggiunto, ora va in finale a spese di quattro momenti dubbiosi. Gli episodi chiave della partita furono una rottura di Hames da tre metri e una nuvola di ragione in Sven Ulrayh, in due momenti controversi nella penalità di Navas, il giudice decise di non mettere un rigore. Zabey Rodriguez, da non perdere Ulreich, puntare il giudice al punto, l’esito dell’incontro sarebbe l’opposto, ma tutto è andato in modo che il “Real” andasse avanti.

Tre vittorie di fila in Champions League – il cui successo non può essere immaginata in anticipo. Il successo di tale portata che è impossibile da prevedere, ma si può apprezzare solo a posteriori. Ammiriamo le registrazioni infinite di Michael Phelps e Usain Bolt, nessun ritardo “Palle d’oro” Messi e Ronaldo lungo decennio, storie su come buona erano Pelè, Maradona e Best. Ma facciamo questo solo dopo il loro successo diventa prevedibile – in principio nessuno poteva indovinare quanti medaglie d’oro sarà vinta, quanto saranno segnati belle obiettivi.

Allo stesso modo, si scopre, e con il moderno “Real”. Se tre anni fa, chiunque guardi il calcio, è stato chiesto di presentare una squadra che si qualificheranno per la terza vittoria di fila nel principale Coppa Europa, avrebbe avuto polukiborga semidio verniciato. Comando con una difesa impenetrabile, portiere volante, intasare meccanicamente Stryker e acciaio uova, sciabola che colpisce un avversario in stupore.