Adam5811 November 18, 2016

Per il Borussia Dortmund l’ultimo insulto era la prospettiva dell’ex allenatore Peter Bosz, che torna domenica con il suo Bayer Leverkusen in miglioramento, “avendo la possibilità di rovinare completamente un’altra stagione del Dortmund”, secondo le parole del giornalista tedesco Lars Pollmann. Eppure, mentre molta attenzione era sull’olandese, la cui nuova squadra è arrivata sulla cresta di 13 gol nelle ultime quattro partite di Bundesliga (almeno in una certa misura riecheggiando il suo a lungo dimenticato, eccellente inizio al Westfalen 18 mesi fa), il senso di deja vu alla fine è arrivato da qualche altra parte. Riepilogo europeo: Sancho segna a Dortmund vince con il Real dato un dubbio rigore Leggi di più

“Erano meglio di noi”, ha detto Lucien Favre, con la consueta franchezza. Lui aveva ragione.Quando Dan-Axel Zagadou ha deviato in angolo per portare il Dortmund in vantaggio nel primo tempo, è seguita una mezz’ora in cui hanno a malapena ottenuto la palla dalla loro metà campo. “Quello”, ha detto il direttore sportivo Michael Zorc con un eufemismo, “ovviamente non era il piano. In casa, vuoi attaccare e vuoi dominare.”

È stato, tuttavia, quasi confortante in quanto è stato un ritorno al primo modello di inizio stagione. Man mano che i risultati aumentano, i dettagli svaniscono, ma gran parte del successo di Dortmund in questo termine è stato costruito su un’efficienza fenomenale.Se torniamo alla primissima partita della stagione, dove i libri dei record ci dicono che il BVB ha superato in modo impressionante un compagno di speranza tra i primi quattro a Leizpig, un esame più attento – o meglio la memoria – ci dice che hanno trascorso lunghi periodi della partita assorbendo la pressione prima di punire gli ospiti in contropiede. La valutazione post partita di Favre dopo il suo debutto in Bundesliga con il club quel giorno? “Erano la squadra migliore”. In più c’è un cambio.

Così, quando Paco Alcácer ne aveva escluso uno per un frazionato fuorigioco che avrebbe portato il Dortmund in vantaggio per 4-1 e Jonathan Tah ne ha tirato indietro uno per gli ospiti per il 3-2 in breve in seguito, potrebbe sembrare una quasi replica della precedente partita casalinga con l’Hoffenheim, dove hanno sgranato quel vantaggio per 3-0, in realtà era una situazione più comune.Una situazione che il Dortmund sa come affrontare.

Hanno solo dovuto ricordare a se stessi che potevano farlo dopo cinque senza vittorie in tutte le competizioni, ma alla fine è quello che hanno fatto. I buchi difensivi che hanno imparato a coprire, con un mix di ostinata applicazione collettiva e con quella polvere di stelle vertiginosamente spruzzata nell’ultimo terzo, sono ancora lì. Così è Roman Bürki. Ha di nuovo fatto parate chiave sul 3-1, da Leon Bailey e Lucas Alario.

Ci si chiede cosa ne pensi Bosz di tutto questo. Ha in gran parte mantenuto il proprio consiglio, anche se il suo portiere Lukas Hradecky aveva detto che tornare in Westfalen e vincere sarebbe stato “molto dolce” per l’allenatore. Se era notoriamente inflessibile con le sue tattiche – e i primi segnali a Leverkusen sono che ha imparato una lezione o due – anche Bosz ha avuto sfortuna.Bürki ha subito la peggior forma della sua carriera nel Dortmund sotto di lui (innervosito dall’assetto difensivo casuale dell’allenatore, alcuni potrebbero obiettare), e l’allenatore ha sottolineato nella sua conferenza stampa pre-partita di venerdì che non è mai stato in grado di chiamare Marco Reus , che si stava riprendendo da un infortunio al ginocchio durante il suo periodo al timone. Guida rapida Segui lo sport di Guardian sui social media Mostra Nascondi

Con il capitano del Dortmund che è stato rimesso in salute dopo uno stiramento alla coscia, saltando la quarta partita consecutiva qui, Bosz ha recuperato un po’ di quella fortuna, come ha riconosciuto prima della partita.I suoi obiettivi e la sua presenza talismanica sono mancati e Zorc ha riflettuto sul fatto che era “importante per i giocatori dimostrare a se stessi che potevano farcela senza di lui”. Sperano che lo stato non duri molto più a lungo e Zorc crede che potrebbero riaverlo per affrontare l’Augsburg venerdì.

Se si rivela troppo presto, non c’è bisogno di farsi prendere dal panico. La risoluzione qui era chiara, anche se la fluidità non era sempre così evidente. Dopo un meritato pareggio per il Leverkusen di Kevin Volland, il Dortmund è semplicemente tornato dall’altra parte per Jadon Sancho per riportarlo in vantaggio con un superbo tiro al volo.Quel passaggio di gioco, rispondendo in modo deciso a una battuta d’arresto, ha dato loro la fiducia per ottenere ciò di cui avevano bisogno dal gioco. Calcio su BT Sport (@btsportfootball)#JS7 | In un batter d’occhio ✨

“Abbiamo fatto uno o due errori di troppo per sopravvivere qui”, ha lamentato Julian Brandt dei visitatori, sottolineando quelli di Leverkusen e Bosz – standard e puntando il cappello sulle qualità del Dortmund. Eppure quello che Favre e compagni avevano dimostrato era che gli errori accadono. È come reagisci a loro che conta.Potrebbero aver semplicemente riscoperto il filo della loro stagione di successo, anche con la sua sfilacciatura. Punti di discussione

Werder Bremen 1-1 Stoccarda, Fortuna Düsseldorf 2-1 FC Nurnberg, Friburgo 5-1 Augsburg, Mainz 3- 0 Schalke, Mönchengladbach 0-3 Wolfsburg, Bayern Monaco 1-0 Hertha Berlino, Borussia Dortmund 3-2 Bayer Leverkusen, Hannover 0-3 Eintracht FrancoforteÈ stato utile?