Luca January 29, 2021

Il ruggito ha scosso questo posto e ha parlato di sollievo oltre che di gioia. A sei minuti dalla fine di una serata difficile, Luis Suárez ha approfittato di una brillante corsa di Lionel Messi per segnare il suo secondo e prendere una squadra del Barcellona che era stata battuta a volte da un gol fino a sconfiggere l’Inter per 2-1.

< La squadra di Antonio Conte sembrava destinata a sconfiggere il Barcellona al Camp Nou per la prima volta in sei anni di calcio europeo, dopo 39 partite, ma un primo tempo superbo non è bastato. Non con quei due in giro. Il buttafuori di William supera il Chelsea e supera il Lille dopo il gol del compleanno di Abraham Leggi di più

“È difficile da accettare perché con tutto ciò che Unibet abbiamo creato ci meritavamo di più. Li abbiamo feriti, ma non quanto avremmo potuto.Alla fine, il passaggio di due superstar ha cambiato tutto ”, ha detto Conte dopo una partita che si è conclusa in un modo che sembrava improbabile quando Lautaro Martínez ha portato in vantaggio l’Inter entro due minuti – o, appunto, per l’ora successiva. Lanciato oltre Clément Lenglet su un rimbalzo, il finale di Martínez è stato duro e basso ed è stato solo l’inizio.

Per il Barcellona, ​​il modo in cui Frenkie de Jong, Gerard Piqué e Sergio Busquets erano stati portati sulla palla e lasciati arenato era il ritratto di un problema ricorrente, le folli scivolate che seguirono approfondirono la sensazione che stessero afferrando un certo controllo.Dopotutto, erano in svantaggio per la quinta volta in nove partite, consapevoli che ribaltare la situazione sarebbe stato un compito.

Innanzitutto, dovevano sopravvivere. “Non andiamo con i caschi solo per difendere”, aveva detto Conte e la sua squadra era buona come la sua parola. L’Inter aveva meno palla ma lo usa con precisione, determinazione e lucidità che mancava al Barcellona. Alla domanda su cosa pensasse di loro, Ernesto Valverde ha detto semplicemente: “Maledizione, una Unibet grande squadra”. Guida rapida Riepilogo Champions League: il Napoli pareggia a vuoto mentre il Dortmund è in crociera Mostra Nascondi

Nel Gruppo G, lo Zenit San Pietroburgo ha battuto il Benfica 3-1 in casa e ha conquistato la vetta della classifica. Artem Dzyuba li ha portati in vantaggio al 22 ‘, con un autogol di Rúben Dias dato a seguito di una revisione del VAR e lo sforzo in solitaria di Sardar Azmoun ha concluso le cose.Raúl De Tomás ha segnato una consolazione nel finale.

Memphis Depay è andato in porta quando il Lione ha vinto 2-0 in casa dell’RB Leipzig, con Martin Terrier in gol nel secondo tempo. PA Media è stato utile? Grazie per il feedback.

Come a sottolineare, l’Inter ha giocato dal fondo, con il portiere Samir Handanovic che si è unito al triangolo di passaggio. Una mossa di cinque passaggi con un tocco all’interno della propria area li ha visti raggiungere un campo aperto; altri sei passaggi e 70 metri dopo, Stefano Sensi era sul limite dell’area tirando di poco.

In qualche modo, era ancora solo 1-0 e il Barcellona gliene sarebbe grato. Milan Skriniar ne aveva già escluso uno, Nélson Semedo si era tuffato per bloccare Nicolò Barella e Marc-André ter Stegen aveva egregiamente parato un colpo di testa di Martínez.Successivamente, Alexis Sánchez ha portato a lato il tiro tagliato di Sensi e, quando il Barcellona è stato nuovamente tirato fuori posizione, Semedo è dovuto tornare indietro per fermare Lautaro. p> Il Barcellona era vivo ma aveva bisogno che succedesse qualcosa e Suárez è accaduto, sferrando un tiro al volo su passaggio di Arturo Vidal al 58 ‘. Vidal aveva sostituito Busquets, con De Jong al centro e il gioco si è spostato. Successivamente, il cileno e Messi hanno lavorato a Griezmann che si è Unibet Italia schiantato contro il sidenetting prima che il suo sostituto, Ousmane Dembélé, colpisse.E quello, a quanto pareva, era quello.

Ma alla fine della sua prima partita completa della stagione Messi partì per un lungo periodo, lasciò tre uomini dietro e lo fece scivolare a Suárez che, abbassando la spalla ed entrare in area lontano da Diego Godín, ha concluso con calma.